Servizi Educativi e Didattici
La didattica è una componente fondamentale di un Museo luogo privilegiato di incontro e di scambio: un centro di produzione culturale per la città e un laboratorio aperto.
In questo senso l'attività didattica diventa un impegno importante della Fondazione, che si propone come strumento di dialogo tra scuola, museo e territorio: l’osservazione, l’esperienza e la comprensione della storia, delle arti e delle tradizioni hanno lo scopo di trasmettere e far riflettere sull’identità del territorio e sugli aspetti che lo qualificano, stimolando la creatività e la fantasia.
L’Area Servizi Educativi e Didattici si articola in tre ambiti specifici: Scuola, Attività extrascolastiche, Percorsi didattici e propone un programma di attività trasversali e progetti in grado di diversificare la propria offerta e coinvolgere pubblici diversi.

SCUOLA
L’impegno di didattica nelle Scuole propone percorsi didattici negli istituiti del Comune di Peccioli di ogni ordine e grado. Ogni anno vengono elaborati insieme agli insegnanti percorsi educativi per una conoscenza dei vari linguaggi artistici attraverso approfondimenti, rielaborazioni e riproduzioni delle opere d’arte e la sperimentazione delle tecniche.

ATTIVITÀ EXTRASCOLASTICHE
I laboratori didattici extrascolastici vengono realizzati in concomitanza alle iniziative organizzate dalla Fondazione e sono legati alle tematiche specifiche di ogni singolo evento.

PERCORSI DIDATTICI
I percorsi si attivano su prenotazione, il numero degli incontri e la durata possono essere concordati con la Segreteria organizzativa della Fondazione.
Si consiglia di prevedere almeno due momenti: una lezione propedeutica in classe da parte di un esperto e la visita dei musei accompagnata dall’attività di laboratorio.
Le scuole e i gruppi, su richiesta alla Segreteria, possono usufruire dei percorsi didattici anche al di fuori degli orari d’apertura dei musei.
I laboratori hanno un costo di € 25,00 a classe.
Le visite guidate e i corsi di formazione sono gratuiti.

Scarica il depliant informativo dei Percorsi didattici.

  • Collezioni delle Icone Russe

  • Museo Archeologico

  • Collezione Incisioni e Litografie

  • Museo d'Arte Sacra

  • Collezioni delle Icone Russe

    Le Collezioni di Icone Russe, in una società multietnica (multiculturale), sono diventate occasioni d’incontro e d’integrazione tra la cultura dell’Europa Orientale e Occidentale.
    I percorsi didattici, ognuno dei quali è preceduto da una visita guidata al Museo, possono sviluppare varie tematiche:

    “Arte sacra e religioni”: dall’arte decorativa nell’Islam all’arte figurativa delle icone. I ragazzi saranno guidati, attraverso un percorso di immagini, alla scoperta delle raffigurazioni del Sacro nelle varie religioni

    “Icona: storia e sviluppo”: verrà illustrata la storia dell’icona dalle sue origini bizantine alle icone italiane, greche, russe, romene, arabe

    “Il linguaggio delle icone”: saranno approfondite le particolarità delle raffigurazioni iconografiche e della loro simbologia

    “Restauro delle icone”: gli obiettivi, i metodi, le fasi e i risultati di un’operazione di restauro attraverso una dimostrazione pratica dell’esperta restauratrice di icone russe. I ragazzi potranno scoprire con i loro occhi i segreti dell’icona attraverso un’analisi al microscopio

    “Soggetti nell’iconografia”: i ragazzi saranno guidati all’identificazione dei simboli che caratterizzano i Santi con le storie della loro vita, Dio, la Vergine, gli angeli, gli animali. Sarà possibile sviluppare la tematica in uno o più incontri, a discrezione dell’insegnante

    “La magia di un altro alfabeto: il cirillico”: il cirillico è l’alfabeto con cui si scrive il russo ma anche altre lingue, è l’alfabeto delle iscrizioni che si vedono sulle icone. I ragazzi verranno avvicinati alle lettere del cirillico, che saranno confrontate con quelle del nostro alfabeto. Poi si cominceranno a traslitterare in cirillico le parole e i nomi italiani, e si impareranno alcune delle parole maggiormente ricorrenti sulle icone

  • Museo Archeologico

    Lo scavo di Ortaglia
    La collezione conserva materiali edilizi e materiale ceramico di varie tipologie, appartenuti a un santuario etrusco attivo dal VI al IV secolo a.C. e rinvenuti in una sorta di pozzo votivo presso il Podere Ortaglia in localitá Le Serre, a meno di 2 km dal centro storico di Peccioli.

    Il Museo espone un grande plastico che riproduce un tempio etrusco, per offrire la possibilitá di capire com'era costruito un edificio di culto. La visita si conclude con la visione di filmati 3D e un cartone animato che, tra realtˆ e fantasia, racconta con la voce di un sacerdote etrusco gli ultimi giorni del Santuario di Ortaglia.

    Lo scavo di Santa Mustiola
    La collezione mostra alcuni dei reperti rinvenuti durante lo scavo del piccolo colle ubicato nella localitá oggi detta Colle Mustarola, nei pressi della frazione di Ghizzano. Il sito stato interessato da diverse fasi insediative collocabili tra il III e il XVII secolo, di cui rimangono alcune strutture ancora oggi visibili in alzato. In particolare, stata rinvenuta una cisterna in cocciopesto di I secolo d.C., testimonianza della presenza romana a controllo di uno degli assi commerciali piú importanti dell'antichitá, che collegava la costa tirrenica, Pisa e Volterra a Roma.

    Dopo la caduta dell'Impero Romano il sito mostra un'altra fase insediativa, quella longobarda, che tra fine V-inizio VII secolo occupa la parte sommitale della collina. Sempre in quest'area, intorno all'XI secolo sorgerá poi una piccola chiesa, dedicata a Santa Mustiola (da cui poi deriverá il toponimo della localitˆ, ancora oggi utilizzato), di cui stata indagata parte dell'area sepolcrale con l'importante scoperta della sepoltura di una giovane con un ricco e raro corredo in bronzo. Un video, alla fine della visita della sala, ci racconta il mistero che avvolge la figura di questa ragazza, soprannominata Isadora, la cui storia sta tornando pian piano alla luce.

  • Collezione Insisioni e Litografie

    La collezione composta da 279 fogli tra incisioni, litografie, xilografie e serigrafie: una collezione di opere che presentano in modo completo il panorama artistico italiano del XX secolo.

    Molti gli incisori puri le cui opere fanno parte della donazione (Viviani, Piacesi, Bartolini, Zancanaro, Gulino, Mongatti, Greco, Morena, Parigi, ecc.), oltre ai pittori e scultori che si sono dedicati alla pratica delle tecniche incisorie e litografiche con straordinari risultati: Baj, Breddo, Carrá, Guerricchio, Guttuso, Possenti, Morlotti, Maffi, Manzú ecc. Molti altri i nomi di spicco: Carla Accardi, Annigoni, Cantatore, Dorazio, Fattori, Goya, Marino Marini, Miró, De Chirico, Dalí, Saetti, Sassu, Scialoja, Soffici, Vangi, Vittorini.

  • Museo d'Arte Sacra

    Il Museo ospitato nella Pieve romanica di San Verano all'interno della Cappella dell'Assunta, costruita a partire dal 1580 per ospitare l'omonima Compagnia, e sottoposta a un'importante campagna di restauro conclusa nel 2009.

    Al suo interno si possono ammirare le opere piú significative del territorio, tra cui due esempi di pittura toscana del Duecento ben conservati: una Madonna col Bambino risalente alla prima metá del XIII secolo attribuita a Enrico di Tedice, detta 'Delle Grazie' per la particolare devozione di cui ha da sempre goduto nel territorio, il dossale con 'San Nicola e storie della sua vita' del III quarto del XIII secolo attribuito a Michele di Baldovino.

    All'interno del Museo sono inoltre conservati un crocifisso ligneo databile al IV decennio del XIV secolo messo in relazione con la scultura senese dipendente da Giovanni Pisano; una Sacra Conversazione di Neri di Bicci del 1463; un'Assunzione con Angeli e Santi di Giovanni Bilivert datata 1628.


VISITE GUIDATE
L’Area Servizi Educativi e Didattici offre un servizio di visite guidate per scolaresche per conoscere il patrimonio storico e artistico conservato all’interno dei Musei di Peccioli. La visita guidata è gratuita.

Orari

Le attività didattiche si attivano su prenotazione.

Contatti

Per informazioni e prenotazioni rivolgersi alla Segreteria Organizzativa:
Fondazione Peccioliper
Piazza del Popolo, 10
56037 Peccioli (PI)
Tel. 0587 672158
corsi@fondarte.peccioli.net




Dove Siamo

Inviaci un messaggio

Grazie per aver spedito il tuo messaggio! Ti contatteremo a breve.

Errore durante l'invio. Prova di nuovo.

Riempi prima tutti i campi obbligatori della form.

Contatti

  • Piazza del Popolo 10 - Peccioli
  • 0587 672158
  • info@fondarte.peccioli.net