Gabriele Lavia presenta il suo libro "Se vuoi essere contemporaneo leggi i classici", modera Romano De Marco

Al via “Conversazioni a Fonte Mazzola”

Lunedì 19 novembre alle ore 21, presso gli Spazi Anfiteatro Fonte Mazzola, Gabriele Lavia presenta il suo libro “Se vuoi essere contemporaneo leggi i classici”, modera Romano De Marco.

Un grande protagonista del teatro italiano – regista e attore internazionale, che nella sua lunga carriera ha letto, amato e messo in scena i capolavori della letteratura – ci spiega perché solo un classico ci salverà e perché abbiamo ancora bisogno dei classici.


“Quando un uomo – uno scrittore – riesce a immaginarsi scarafaggio, mostriciattolo rivoltato sulla schiena, non è La metamorfosi a essere un classico, ma Kafka stesso.

Noi moderni abbiamo un’idea sbagliata dei classici, li consideriamo come qualcosa che si impolvera sulle librerie, là, in alto: tomi voluminosi lontani dalla nostra vita. Invece, gli autori classici parlano di noi, della nostra esistenza, delle nostre storture, delle nostre mostruosità, ma anche della nostra bellezza e della nostra meraviglia.

Gli autori classici sono i veri grandi rivoluzionari della storia. Perché hanno la capacità unica di “rivoltarci”. Quando ci avviciniamo a un loro testo con umiltà, sentiamo che la nostra più profonda interiorità è “in rivolta”, scossa nelle viscere.

È classico ciò che tende a relegare a rumore di fondo l’attualità, pur non potendo, contemporaneamente, farne a meno. È classico ciò che persiste come rumore di fondo anche là dove l’attualità più lontana fa da padrona.

Viviamo di corsa. Affrontiamo il “mestiere di vivere” senza pensarci e senza farci troppe domande. Gli autori classici, al contrario, sono quelli che pensano e cercano un senso. Sono acuti, percettivi e, anche se sono vissuti in secoli ormai lontani, sono moderni. Abbiamo solo da imparare, leggendoli, per attingere quanto più possibile al tesoro della loro grandezza. Lo confesso: mi sarebbe piaciuto essere bravo a scrivere come Dostoevskij, ma non lo sono. La consolazione è che posso leggere gli autori Dostoevskij, Tolstoj, Strinderg”.


Torna quindi a Peccioli il protagonista dell’edizione 2017 del progetto Parole Guardate, Romano De Marco, autore di numerosi successi editoriali e vincitore della XIX edizione del Premio Letterario “Franco Fedeli” lo scorso 6 novembre. De Marco dialogherà con Lavia in una sala, le cui pareti abitate da libri, si affacciano sull’Anfiteatro Fonte Mazzola, il cui palco è stato calcato da grandi nomi dello spettacolo italiano e internazionale, creando così un evento unico in cui teatro e letteratura si uniscono.


Per informazioni contattare la Fondazione Peccioliper: 0587 672158 Facebook: Fondazione-Peccioliper, Twitter: @peccioliper

Inviaci un messaggio

Grazie per aver spedito il tuo messaggio! Ti contatteremo a breve.

Errore durante l'invio. Prova di nuovo.

Riempi prima tutti i campi obbligatori della form.

Contatti

  • Piazza del Popolo 10 - Peccioli
  • 0587 672158
  • info@fondarte.peccioli.net